venerdì 12 settembre 2014

La terribile e straziante testimonianza di Lolita


Vi propongo qui la traduzione di una delle più orribili, drammatiche e dolorose testimonianze di vittime di tratta che mi sia mai capitato di leggere.
 
 
Lolita è Nigeriana ed ha soltanto 26 primavere nel momento in cui la sua testimonianza viene raccolta. Il suo percorso è una perfetta illustrazione del calvario di parecchie migliaia di donne africane.
 
 
La prostituzione ha fatto di lei una tossicodipendente e un'alcolista che l'AIDS sta gettando nelle braccia della Grande Falciatrice. Ecco un frammento del suo calvario:
 
"Se solo avessi saputo che cosa mi attendeva in questo mondo pazzesco che tutti ammirano, in questo mondo dove tutti vogliono emigrare. [..] Un mondo dove noi prostitute africane siamo considerate merda, schiave cui far mangiare escrementi e bere urina.
Si ritiene normale che malati, perversi, ricchi usino il loro potere e il loro denaro per fare cose molto gravi su degli esseri umani. Si dice che noi siamo adulte e dunque consenzienti. E' falso, perché nessuno ha chiesto la mia opinione prima di scaraventarmi in questa merda.
Sono stata costretta e minacciata. E se noi siamo adulte, che dire delle bambine prostituite? Bambine di tutte le età. E più sono giovani, più costano. Non sono i poveri a pagare somme così ingenti. I loro salari non sarebbero sufficienti...Sono disgustata. Non ho più paura: tanto ho i giorni contati!
Sono malata di AIDS in fase terminale. I clienti hanno più rispetto per i loro cani che per noi. Non tutte le ragazze attraversano le tappe che ho attraversato io, ma so quello che succede nell'ambiente. Le ragazze negano tutto per paura delle rappresaglie. Il denaro dà ai clienti  dei diritti sulla nostra vita. Se non mi uccidono la droga, l'AIDS e l'alcol, possono farlo tutte le porcherie dei clienti e dei loro cani  che ho dovuto ingoiare,  per non parlare di tutte le botte che ho preso. Ho supplicato Dio di perdonarmi e di riprendermi con sé.
Nessuno può vivere con i miei ricordi. E' sufficiente che chiuda gli occhi perché mi ritornino in mente gli orrori subiti. E tutti i giorni e tutte le notti si ripete lo stesso calvario. E' una tortura. Qualcuno mi aiuti a farla finita! Io non ho più la forza di farlo.
Buon Dio! Vorrei solo un attimo di respiro. Farla finita con questo mondo: partire, partire, soltanto partire.
Il mio calvario è iniziato a Lagos. Ho letto l'annuncio su Internet di un uomo d'affari che cercava delle ragazze che desiderassero trovare un marito attraverso la sua agenzia matrimoniale. C'erano delle foto: casi di matrimoni avvenuti attraverso gli incontri promossi dall'agenzia. Ho risposto anche ad annunci  su riviste che si trovano un po' dappertutto ora. E' successo tutto molto in fretta. Un signore mi ha contattato e abbiamo iniziato a chattare. Mi ha proposto cose che nessuna donna potrebbe rifiutare. Un sogno! Dopo meno di tre mesi, ero pronta a partire per Londra. Il signore in questione mi aveva indicato i nomi di persone che dovevo incontrare.  Non ci sono stati problemi.
Dovevo andare a Benin City per ritirare un pacchetto postale.  Mi ha molto stupito vedere che il pacco in questione erano tre ragazzini di età compresa fra gli otto e i dodici anni. I loro passaporti erano pronti, così come i visti. Era tutto ok. Sono andata da un signore che la gente chiamava "stregone" che mi ha fornito istruzioni. Il nostro viaggio prevedeva il transito in Ghana e là qualcuno ci avrebbe consegnato i passaporti per la Liberia. Con questi siamo partiti diretti a Londra. Questi passaporti ci permettevano di ottenere più rapidamente lo status di rifugiati una volta giunti a destinazione.
Abbiamo lasciato dopo tre giorni una bidonville di Accra dove dovevamo nasconderci per evitare le manifestazioni di invidia di quelli che non avevano la nostra fortuna. Il bambino più piccolo era terrorizzato dalla paura: piangeva molto, tremava e non diceva una parola. Si rifugiava fra le mie braccia e mi lasciava solo quando andavo alla toilette o mi lavavo.
All'aeroporto mi attendeva il mio fidanzato e l'uomo che doveva prendere in consegna i bambini. La separazione è stata penosa. Il bambino più piccolo non voleva staccarsi da me. Non ho più visto né avuto notizie di questi bambini. Ho seguito questo uomo di cui non sapevo nulla se non il fatto che si faceva chiamare Bryan. Appena arrivata a casa sua, l'incubo è cominciato.
Ha voluto subito avere un rapporto sessuale con me. Ho tentato di resistere spiegandogli che avevo bisogno di un po' di tempo, che non era facile darsi a qualcuno che si conosce a malapena. Ma la forza con la quale mi ha afferrato mi ha fatto cedere immediatamente.
Le  prime ore trascorse sul suolo inglese sono state ore di stupro sul tappeto di un salotto. Non dovevo dir niente. Lui si riposava, beveva whisky e ricominciava con atti dolorosi e disgustosi di cui ignoravo l'esistenza. Ho creduto di morire. Ero obbligata a fare quello che lui voleva, era l'unica persona che conoscessi a Londra e mi aveva ritirato i documenti.
Dopo aver abusato di me, mi ha chiesto di vedere delle videocassette che rappresentavano delle ragazze che avevano rapporti sessuali con gli animali e mi ha chiesto di guardare bene quel che facevano, perché avrei dovuto fare le stesse cose. Il mio arrivo a Londra gli era costato parecchio denaro che io avrei dovuto restituirgli. Mi avrebbe trovato i clienti e avremmo diviso il denaro in parti uguali. Mi ha detto che mi avrebbe dato qualcosa per farmi coraggio, perché ne avevo bisogno, ma avrei guadagnato denaro. Molto denaro.
A farmi coraggio sarebbe stata la droga. E' così che, tre settimane dopo il mio arrivo sul suolo inglese, sono diventata attrice di film pornografici con animali, film girati tra Amsterdam, Berlino, Parigi e Londra, il mio luogo di residenza. Da una a due volte alla settimana mi recavo negli studi cinematografici o a casa di qualcuno per girare queste porcherie.
A volte si aggiungeva sul set il padrone del o dei cani e la scena filmata era nauseante. Dovevo avere rapporti sessuali contemporaneamente con il cane e con il suo padrone, mentre la moglie di quest'ultimo guardava divertita questo circo, sorseggiando un cocktail.
Mi drogavo e bevevo prima di girare, perché non avrei potuto farlo restando lucida. Quegli animali dentro di me, la loro bava, il loro pelo, il loro alito cattivo, i graffi provocati dagli artigli e la  loro violenza  causata dalle incitazioni dei padroni, i cui ordini potevano modificare il ritmo del  loro movimento, che poteva passare da tranquillo a violento.
E io lì sotto a incassare i colpi. Piangevo, gridavo, chiudevo gli occhi, pregavo il buon Dio di riprendermi con sé. Cosa mi toccava fare! La mia povera mamma morirebbe se lo sapesse. Per evitare che si preoccupasse, le inviavo denaro e foto che mi ritraevano felice. Erano delle messe in scena organizzate da Bryan.
Il peggio erano le scene di fellatio con gli animali. Non potendo far indossare loro il preservativo, i rapporti si svolgevano senza protezione. Bryan diceva che tanto non rischiavo nulla, perché Dio aveva fatto le cose per bene. Era impossibile che restassi incinta. Per anni ho fatto solo questo: litri e litri di sperma degli animali nel mio stomaco. Il mio corpo è talmente sporco da non poter ospitare un feto.
Un giorno, per abbellire la scena, la moglie del padrone dei cani è andata a cercare dei cuccioli che pretendeva allattassi. Era molto doloroso, perché i cuccioli cercavano di succhiare e non usciva niente.
I professionisti vendono queste videocassette a migliaia nel mondo e le persone se le guardano a casa nelle serate che trascorrono assieme ad amici perversi. Confesso di aver ricevuto molti soldi per girare queste scene.
Mi sono comprata la casa e la mia famiglia ha un buon tenore di vita. Provvedo finanziariamente all'istruzione dei miei fratelli e sono rispettata ed adulata. La mia famiglia è fiera di me, perché ignora tutto. Per avidità, ho intensificato il ritmo di lavoro: sono aumentati i guadagni, ma anche le dosi di droga e di alcol.
Nei periodi di scarsa attività, Bryan mi prestava ad un amico del Sud della Francia, perché d'estate, sugli yacht, con l'arrivo delle star, c'è un intenso mercato di prostitute e di droga. Si organizzano orge che durano intere notti e ciò procura alti guadagni che permettono di cambiare attività e di disporre di denaro tutto l'anno.
Forse è stato laggiù che ho contratto il virus dell'AIDS, ma poiché non ho effettuato controlli regolari, la malattia è stata scoperta troppo tardi. Sono stata abbandonata sulla spiaggia di Saint Tropez. Bryan è sparito e ha cambiato indirizzo.
Mi ha aiutata una prostituta polacca, ma poiché non poteva più assicurarmi le mie dosi di droga, mi ha presentato ad una ragazza africana che mi ha parlato di un'associazione che si occupa di quelle, fra loro, che sono affette da AIDS.
La mia malattia è in fase terminale. Non arriverò ai trent'anni. Il mio corpo è ricoperto di lesioni infette. Sono drogata, anoressica e alcolizzata. Mi capita ancora di avere rapporti sessuali a pagamento, ma sto attenta a non infettare i clienti,  i quali non sanno nulla della mia situazione. Non faccio loro correre dei rischi. Mi prostituisco per procurarmi la mia dose di alcol e di droga. Assumo queste porcherie per accelerare la mia fine. Le immagini di quel che ho passato mi torturano. Sono un veleno che mi uccide a poco a poco. E' la morte peggiore. Maledico il giorno in cui ho deciso di emigrare. A casa mia, in questo momento sarei sana, sposata e madre".
 
 
 



Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.